La Sicilia è una di quelle isole così piena di meraviglie e di posti magici che non basterebbero mesi per visitarla tutta

Torre Normanna EriceUno dei posti più suggestivi e più amati della Sicilia è sicuramente il Borgo di Erice, che può essere visitato in qualunque periodo dell’anno e che ha come peculiarità principale quella di trasmettere pace e serenità, grazie all’atmosfera familiare che si respira appena si mette piede alliinterno di questo posto così unico e particolare.

ERICE: I POSTI PIÙ BELLI DA VEDERE

Il posto più bello da vedere e anche più importante dal punto di vista simbolico, è sicuramente il Castello di Venere, che è di epoca normanna, e che sorge sulla rocca a strapiombo. Esso venne progettato e costruito nel Xii secolo, sui resti di un tempio antico e che fu dedicato alla dea Venere.

Salendo nel castello si può ammirare, grazie alla vista panoramica, una porzione molto ampia del territorio e cioè in particolare la lingua di Capo San Vito, il porticciolo di Bonagia, promontorio di Cofano, la pianura di Trapani e anche le città di Marsala, Trapani e un pò di Mazara del Vallo.

ERICE: LE COSE PIÙ BELLE DA FARE

Per quanto piccolo, il comune di Erice offre tantissime occasioni per divertirsi e rilassarsi, da soli e in compagnia. Innanzitutto, per arrivare ad Erice si può percorrere la strada in macchina, a piedi (per gli amanti del trekking e della fatica) e con la funivia.

Genovesi EriceLa funivia è uno dei mezzi più suggestivi su cui spostarsi e quella di Erice, in particolare, offre un panorama mozzafiato per la presenza, oltre al monte, del mare e delle lunghe spiagge che ci lasciamo alle spalle salendo.

Una volta arrivati in cima, ci troviamo di fronte alla volta di pietra, l’ingresso nella città che ci introduce nel centro del borgo. Ci troviamo all’interno di un paesaggio urbano che ci fa viaggiare nel tempo e ci inserisce in piena epoca medievale.

ERICE: LE COSE PIÙ BUONE DA MANGIARE

Camminate verso il primo bar per fare colazione a base di caffè e genovesi alla crema. Non c’è niente di meglio per iniziare la giornata. Avviatevi, quindi, verso il castello e restate a guardare il panorama.

A pranzo, fermatevi in qualunque rosticceria per assaggiare l’arancina, oppure prendete da mangiare il tradizionale pane “cunzato” di Erice, un tripudio di sapori e di odori.